Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Biella, 25 giugno 2019
Torna alla versione grafica - home

Condannata dall'AGCM la societÓ IRPT ONLINESERVICE SL



Biella, 25 giugno 2019
Ultimo aggiornamento: 29.03.2017



Relazioni con il pubblico



default image
default image

CONDANNATA DALL'AGCM LA SOCIET└ IRPT ONLINESERVICE SL

Contenuto pagina

Il 1 marzo 2017 l’Autorità Garante della concorrenza e del mercato ha condannato la società IRPT ONLINESERVICE SL, con sede in Spagna, al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria di Euro 200.000,00 per pubblicità ingannevole (bollettino n. 10/2017, scaricabile gratuitamente dal sito www.agcm.it), a seguito della segnalazione di numerose imprese, le quali hanno ricevuto dalla società in questione una proposta commerciale.

Si tratta di un modulo d’ordine prestampato con intestazione “Informazioni del registro di Commercio”, con l’invito a verificare, completare o correggere i propri dati aziendali, con l’apparente finalità di assolvere agli obblighi di iscrizione o annotazione nel Registro delle Imprese. In realtà, con la sottoscrizione del modulo l’impresa viene inserita in un “Registro”, nell’ambito di un portale di pubblicità accessibile via internet all’indirizzo http://www.info-registro-commercio.it/index.php. L’importo richiesto da IRPT è indicato come quota di iscrizione di Euro 83 al mese (IVA esclusa) per due anni di abbonamento, pari, complessivamente, a Euro 1.992.

L’invio del messaggio in questione nulla ha a che fare con la domanda di iscrizione presso il Registro delle imprese, ma è diretto ad ottenere la sottoscrizione del modulo da parte delle imprese destinatarie al fine di vincolarle ad un servizio pubblicitario non consapevolmente richiesto, consistente nell’inserimento dei propri dati aziendali in una banca dati diffusa via internet.

Leggi il comunicato stampa n. 13/2017

 




Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]