Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Biella, 19 giugno 2019
Torna alla versione grafica - home

Registro delle Pile e degli Accumulatori



Biella, 19 giugno 2019
Ultimo aggiornamento: 16.08.2011



Servizi



REGISTRO DELLE PILE E DEGLI ACCUMULATORI

Contenuto pagina

E' disponibile un servizio informativo sugli adempimenti ambientali; per accedervi, Ŕ sufficiente cliccare su "Portale Ambiente".

Presso il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Ŕ istituito il Registro Nazionale dei soggetti tenuti al finanziamento dei sistemi di gestione dei rifiuti di pile e accumulatori (ll'interno di tale Registro Ŕ prevista una sezione relativa ai sistemi collettivi istituiti per il finanziamento della gestione dei rifiuti di pile e accumulatori).
Il produttore di pile e accumulatori pu˛ immettere sul mercato tali prodotti, solo a seguito di iscrizione telematica al Registro.

Normativa di riferimento
Decreto Legislativo n. 188 del 20 novembre 2008

Soggetti obbligati
- I produttori di pile e accumulatori ovvero chiunque immetta sul mercato nazionale per la prima volta a titolo professionale pile o accumulatori, compresi quelli incorporati in apparecchi o veicoli, a prescindere dalla tecnica di vendita utilizzata, comprese le tecniche di comunicazione a distanza definite agli articoli 50, e seguenti, del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206, di recepimento della Direttiva 97/7/Ce riguardante la protezione dei consumatori in materia di contratti a distanza;
- I sistemi collettivi istituiti per il finanziamento della gestione dei rifiuti di pile e accumulatori. 

ModalitÓ per l'iscrizione 
a) l'iscrizione nel Registro deve essere effettuata dal produttore presso la Camera di commercio nella cui circoscrizione si trova la sede legale dell'impresa.
b) l'iscrizione avviene esclusivamente per via telematica, attraverso il portale http://www.impresa.gov.it o attraverso il sito www.registropile.it
L'accesso al sistema telematico, deve essere effettuato tramite dispositivo di firma digitale dotato di certificato di autenticazione intestato al legale rappresentante dell'impresa. Il legale rappresentante pu˛ delegare un altro soggetto, anch'esso dotato di firma digitale, alla compilazione e alla trasmissione dell'istanza.

Pagamenti necessari per l'iscrizione al Registro delle Pile e degli Accumualtori
L'iscrizione comporta il versamento:
- di una tassa di concessione governativa di 168,00 Euro;
- dell'imposta di bollo di 14,62 Euro. 
L'iscrizione al Registro Ŕ inoltre assoggettata al pagamento di un corrispettivo annuale da determinarsi, secondo un decreto del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio.

Pagamento tramite Telemaco e tramite bollettino postale
a) compilazione della pratica attraverso l'interfaccia utente offerto da Impresa.Gov;
b) pagamento della tassa di concessione governativa mediante versamento in c/c postale:
- per tutta Italia: n. 8003 intestato a "Agenzia delle Entrate - Ufficio di Roma 2 - Centro Operativo Pescara - Tasse Concessioni Governative (codice Causale: 8617 "altri atti");
- per la sola Sicilia: n. 8904 intestato a "Agenzia delle Entrate - Ufficio di Roma 2 - Centro Operativo Pescara - Tasse Concessioni Governative (codice Causale: 8617 "altri atti");
c) upload della copia dell'attestato di versamento della Tassa di Concessione Governativa acquisita mediante scanner;
d) trasmissione della pratica e relativi allegati, dal portale Imprese alla Camera di Commercio competente; il backoffice per le C.C.I.A.A. restituirÓ, automaticamente, all'utente, una ricevuta di avvenuta presentazione con codice pratica;
e) accesso a Telemaco Pay con abilitazione a men¨ Adempimenti Ambientali / "Pagamenti Vari"; l'accesso e il pagamento potranno essere effettuati da soggetti diversi dall'impresa titolare della pratica, purchŔ titolari di contratto Telemaco Pay;
f) indicazione dl codice pratica (desunto dalla ricevuta);
g) conferma dell'operazione di pagamento (ovviamente, previa verifica della disponibilitÓ nei rispettivi conti "diritti & bolli" del prepagato) e stampa esito (il sistema non consente pagamenti successivi della medesima pratica).

Pagamento tramite bollettino postale
a) compilazione della pratica attraverso l'interfaccia utente offerto da Impresa.Gov;
b) pagamento della tassa di concessione governativa mediante versamento in c/c postale:
- per tutta Italia: n. 8003 intestato a "Agenzia delle Entrate - Ufficio di Roma 2 - Centro Operativo Pescara - Tasse Concessioni Governative (codice Causale: 8617 "altri atti");
- per la sola Sicilia: n. 8904 intestato a "Agenzia delle Entrate - Ufficio di Roma 2 - Centro Operativo Pescara - Tasse Concessioni Governative (codice Causale: 8617 "altri atti");
c) versamento del bollo (14,62 Euro) secondo le modalitÓ indicate dalla rispettiva Camera di Commercio (per la Camera di Commercio di Biella: versamento su c/c postale n. 12511135 con l'opportuna indicazione della causale "imposta di bollo per iscrizione Registro delle Pile e degli Accumulatori); le istruzioni saranno esposte nella "Guida in Linea";
c) upload, in un'unica soluzione, della copia di tutti gli attestati di versamento (bollo, Tassa di Concessione Governativa) acquisiti tramite scanner in un unico documento;
d) trasmissione della pratica e relativi allegati, dal portale Imprese alla Camera di Commercio competente; il backoffice per le C.C.I.A.A. restituirÓ, automaticamente, all'utente, una ricevuta di avvenuta presentazione con codice pratica;

La Camera di Commercio, verificata la regolaritÓ del pagamento, disporrÓ la trasmissione della pratica nel Registro; il sistema genererÓ, automaticamente, il numero d'iscrizione che il produttore potrÓ scaricare dal portale http://www.impresa.gov.it/  

Sanzioni
Il produttore che, senza avere provveduto alla iscrizione presso la Camera di commercio, immette sul mercato pile o accumulatori, Ŕ punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da € 30.000,00 ad € 100.000,00. 

ModalitÓ di comunicazione delle variazioni:
- le variazioni e le cancellazioni si devono comunicare per via telematica, osservando le stesse modalitÓ previste per l'iscrizione.
- Il costo da sostenere per ogni variazione o cancellazione Ŕ di euro 14,62 per l'imposta di bollo (per la Camera di Commercio di Biella: versamento sul c/c postale n. 12511135 con l'opportuna indicazione della causale "imposta di bollo per variazione Registro delle Pile e degli Accumulatori". 

Comunicazione Annuale
Annualmente, entro il 31 marzo, i produttori comunicano alle Camere di commercio i dati relativi alle pile ed accumulatori immessi sul mercato nazionale nell'anno precedente, suddivisi per tipologia.


Soggetti obbligati: i produttori giÓ iscritti al Registro (I sistemi collettivi di finanziamento non sono tenuti a presentare la Comunicazione annuale).

ModalitÓ di presentazione
Le informazioni sono fornite per via telematica e riguardano il numero e il peso effettivo delle pile e accumulatori immessi sul mercato nell'anno solare precedente .
L'accesso alla procedura di compilazione e presentazione, avviene tramite il portale www.impresa.gov.it .
L'accesso pu˛ essere effettuato dal legale rappresentante o da un soggetto da questi delegato, purchÚ muniti di firma digitale con certificato di sottoscrizione.
La presentazione della Comunicazione annuale non Ŕ soggetta al pagamento di alcun diritto. Una volta completato l'inserimento Ŕ necessario firmare e trasmettere la pratica: se la pratica non viene firmata e trasmessa, l'adempimento non Ŕ completato correttamente.
A conclusione della trasmissione, viene rilasciato un attestato nel quale viene confermata l'avvenuta presentazione della Comunicazione pile che pu˛ essere scaricato in qualsiasi momento dall'Archivio pratiche. 

Sanzioni
Ai sensi del'articolo 25, comma 3, del Decreto Legislativo n. 188/08, il produttore che, entro il termine di cui all'articolo 14, comma 2 (ovvero entro il 31 marzo), non comunica al Registro Nazionale dei soggetti tenuti al finanziamento dei sistemi di gestione dei rifiuti di pile e accumulatori le informazioni di cui al medesimo articolo, ovvero le comunica in modo incompleto o inesatto, e' punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 2.000,00 ad euro 20.000,00.


Per informazioni
www.registropile.it
info@registropile.it  





Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]