Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Biella, 26 ottobre 2020
Torna alla versione grafica - home

Convenzioni e collaborazioni



Biella, 26 ottobre 2020
Ultimo aggiornamento: 12.08.2019



Tutela e regolazione del mercato



default image
default image

CONVENZIONI E COLLABORAZIONI

Contenuto pagina

PROTOCOLLO D'INTESA TRA UNIONCAMERE E AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni)

 

Il tentativo obbligatorio di conciliazione in materia di telecomunicazioni  è disciplinato dal “Regolamento sulle procedure di risoluzione delle controversie tra utenti e operatori di comunicazioni elettroniche”, approvato dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) con delibera n. 203/18/CONS del 24 aprile 2018. 

Anche in questo caso le parti, aiutati da un soggetto terzo ed imparziale (il conciliatore), tentano in modo amichevole di trovare un accordo soddisfacente per risolvere la controversia e solo in caso di insuccesso della procedura (o per mancato accordo o per mancata partecipazione della controparte) possono rivolgersi al giudice.

I tentativi di conciliazione devono essere  esperiti presso i CO.RE.COM o in alternativa dinanzi le Camere di commercio previa stipula di appositi protocolli di intesa tra Unioncamere e l’Autorità.

Il più recente Protocollo d'Intesa tra Unioncamere e AGCOM finalizzato allo sviluppo della conciliazione presso le Camere di commercio nel settore delle comunicazioni elettroniche è stato siglato in data 29 maggio 2019 ed ha validità triennale.  

 

Scarica il Protocollo Unioncamere - AGCOM(29 maggio 2019)

 

ATTENZIONE: TIM SpA ha comunicato che a partire dal 1° luglio 2018 non aderirà più ai tentativi obbligatori di conciliazione presentate dai clienti attraverso il sistema delle Camere di Commercio. Tale decisione è stata presa anche alla luce della pubblicazione della Delibera 203/18/CONS "Approvazione del Regolamento sulle procedure di risoluzione delle controversie fra utenti e operatori di comunicazione elettroniche"

 

PROTOCOLLO DI INTESA TRA UNIONCAMERE E ANIA (Associazione Nazionale fra le imprese Assicuratrici)


E’ stato firmato in data 04 aprile 2012 il Protocollo d’Intesa tra Unioncamere e Ania della durata di 2 anni, per la gestione delle procedure di mediazione in materia assicurativa. 
L’accordo ha l’obiettivo di promuovere la mediazione camerale per il settore assicurativo, il cui contenzioso, per buona parte, rientra nella condizione di procedibilità (contratti di assicurazione, responsabilità civile sanitaria e, a partire dal 20 marzo 2012, responsabilità derivante dalla circolazione dei veicoli). 
Attraverso questo Protocollo Unioncamere ha provveduto a recepire le “Linee guida” che rappresentano il modello di riferimento delle imprese di assicurazione per la partecipazione ai procedimenti di mediazione, rendendole, però, con l’introduzione di alcune modifiche procedurali, maggiormente compatibili con l’impostazione, l’esperienza e la procedura di mediazione delle Camere. 

 

In caso di domanda di mediazione afferente al settore assicurativo è importante utilizzare il modello integrativo di domanda di mediazione.

 

Scarica il Protocollo Unioncamere - ANIA (4 aprile 2012)

 

 

PROTOCOLLO D'INTESA TRA UNIONCAMERE e AEEGSI  (Autorità per l'Energia Elettrica il Gas e i Servizi Idrici)


In data 29 dicembre 2016 è stato siglata una Convenzione tra Unioncamere e AEEGSI che individua gli Organismi camerali di mediazione come sedi alternative all'Autorità stessa per risoluzione delle controversie in materia di energia elettrica e gas.

 

Dal 1 gennaio 2017 le controversie fra utenti ed operatori del settore energetico (energia elettrica e gas, con l’esclusione, al momento, dei servizi idrici) rappresentano un ulteriore caso di tentativo obbligatorio di conciliazione, che diventa quindi condizione di procedibilità per poter portare la controversia di fronte ad un organo giudiziario. 

 

Scarica la Convenzione tra Unioncamere e AEEGSI (29 dicembre 2016)

 




Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]