Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Biella, 20 giugno 2019
Torna alla versione grafica - home

Sicurezza generale dei prodotti: Codice del Consumo



Biella, 20 giugno 2019
Ultimo aggiornamento: 23.01.2018



Tutela e regolazione del mercato



default image
default image

SICUREZZA GENERALE DEI PRODOTTI: CODICE DEL CONSUMO

Contenuto pagina

Definizione
Ogni prodotto immesso sul mercato e destinato al consumo deve avere requisiti generali ed essenziali di sicurezza richiesti dalla legislazione settoriale, con l’obiettivo di garantire un elevato livello di protezione della salute e della sicurezza dei consumatori.  

La vigilanza
Scopo della vigilanza è garantire che i prodotti immessi sul mercato siano sicuri. Per prodotto sicuro si intende qualsiasi prodotto che, in condizioni di uso normali o prevedibili, non presenti alcun rischio o presenti rischi minimi compatibili con l’impiego prevedibile del prodotto e accettabili nel contesto di una elevata tutela della salute e sicurezza delle persone.

Controlli ispettivi 
I controlli ispettivi sono condotti nei luoghi della produzione, dello stoccaggio e della distribuzione presso produttori, importatori, distributori. 

Controlli visivi/formali
Sono volti alla verifica della corretta presentazione dei prodotti e alla verifica che gli stessi non presentino anomalie macroscopiche rilevabili con l’ausilio delle schede prodotto. Si procede quindi alla verifica dei dati e informazioni obbligatorie, alla verifica della presenza di avvertenze e altre informazioni utili alla valutazione e prevenzione dei rischi e alla verifica  di non conformità palesi sul prodotto.

Controlli fisici 
Il controllo fisico è un accertamento sostanziale volto a definire la sicurezza del prodotto attraverso le prove eseguite da un laboratorio sulla base delle norme tecniche e delle disposizioni legislative applicabili e consiste nel prelievo e analisi di campioni ed eventuale esame della documentazione, se disponibile.
La Camera di Commercio effettua il prelievo:
• su segnalazione specifica del MiSE;
• nell’ambito di una programmazione definita a livello nazionale o locale;
• sulla base delle segnalazioni ricevute da soggetti terzi (consumatori, imprese, associazioni, altre PA).

Violazioni e sanzioni
Le sanzioni applicabili sono previste dal D.Lgs. 206/2005.

Fonti normative comunitarie
Direttiva 2001/95/CE 
Regolamento 765/2008/CE
Decisione 768/2008/CE
Decisione 2010/15/UE 

Fonti normative nazionali
D. Lgs 06/9/2005 n. 206 - Codice del consumo,  Artt. da 102 a 113 

Principali norme tecniche.
CEI 23-50:2007 - Spine e prese per usi domestici e similari - Parte 1: Prescrizioni generali
CEI 23-57:2007 - Spine e prese per usi domestici e similari Parte 2: Prescrizioni particolari per adattatori
CEI EN 61995-2:2010 - Dispositivi per la connessione di apparecchi d'illuminazione per usi domestici e similari Parte 2: Fogli di normalizzazione per DCL
CEI EN 60799:1999 - Cordoni per connettori e cordoni per connettori di interconnessione
UNI EN 12790:2009 - Articoli per puericultura - Sdraiette
UNI EN 1273:2005 - Articoli per puericultura – Girelli – Requisiti di sicurezza e metodi di prova
UNI EN 1400-1:2004 - Articoli per puericultura- Succhietti per neonati e bambini piccoli- Parte 1: Requisiti generali di sicurezza e informazioni relative al prodotto
UNI EN 1400-2:2004 - Articoli per puericultura- Succhietti per neonati e bambini piccoli- Parte 2: Requisiti meccanici e prove
UNI EN 1400-3:2004 - Articoli per puericultura- Succhietti per neonati e bambini piccoli- Parte 3: Requisiti chimici e prove 
UNI EN 1466:2008 - Articoli per puericultura- Sacche porta bambini e supporti- Requisiti di sicurezza e metodi di prova
UNI EN 13209-1:2005 - Articoli per puericultura- Zaini porta bambini- Requisiti di sicurezza e metodi di prova- Parte 1: Zaini porta- bambini con telaio
UNI EN 13209-2:2006 Articoli per puericoltura- Zaini porta bambini- Requisiti di sicurezza e metodi di prova- Parte 2: Zaini di materiale flessibile
UNI EN 14344:2005 - Articoli per puericultura - Seggiolini per bambini per biciclette - Requisiti di sicurezza e metodi di prova
UNI EN 14350-1:2005 - Articoli per puericultura- Dispositivi per bere- Parte 1: Requisiti generali e meccanici e prove
UNI EN 14350-2:2005 - Articoli per puericultura- Dispositivi per bere- Parte 2: Requisiti chimici e prove

Ulteriori informazioni sono consultabili sul sito "Sicurezza prodotti" di Unioncamere.

Scheda aggiornata ad ottobre 2011




Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Ufficio di riferimento

Per informazioni rivolgersi a:

Vigilanza

Riferimento  
Indirizzo Via A. Moro, 15 13900 Biella
Telefono 015/3599321
Fax
E-mail vigilanza@bv.legalmail.camcom.it
Orari da lun a ven 9.00 - 12.30

[ inizio pagina ]